Avanti tutta le giovani leonesse della pallanuoto: nell’incontro casalingo valido come secondo turno del campionato regionale Under 17, l’An Brescia femminile si è imposta sull’Aquatica Torino per 9 a 3 (2-1, 2-1, 1-1, 4-0, i parziali), cogliendo i primi, e meritati, tre punti della stagione. Schierata con tante atlete sotto categoria (buono l’esordio del portiere Francesca Zambelli, classe 2006, entrata nel finale del match), la formazione guidata da Edvin Calderara ha avuto bisogno di un po’ rodaggio prima di trovare le giuste sincronie di gioco: nel quarto tempo, le biancazzurre si sono sbloccate del tutto e per l’Aquatica non c’è stato più nulla da fare. «Per tre quarti di gara – commenta coach Calderara -, la squadra si è mossa con troppa indecisione, senza il giusto spirito agonistico. In attacco mancava determinazione e in difesa ci son state parecchie ingenuità, tre delle quali ci sono costate le reti al passivo. Nell’ultima frazione, finalmente, tensione e timidezza hanno lasciato il posto a concretezza e lucidità, e abbiamo cominciato a giocare come sappiamo. Comunque, al di là del risultato, il bilancio di giornata è positivo, le più giovani hanno avuto ampi spazi e senz’altro ci può stare una certa fatica a trovare confidenza e fluidità nei movimenti e nell’esecuzione degli schemi: la crescita passa anche attraverso momenti un po’ critici».